Il concerto a Florianopolis visto dai Bob and the Apple


Ore 7.15, i musicanti trentini trascinano le occhiaie fuori dalle stanze. ristorati da una colazione a base di frutti tropicali e salsicce assassine, si avviano verso il pullman pronti ad affrontare un nuovo giorno. Il mezzo si dirige verso il parlamento di Santa Catarina, facendo solo una breve pausa davanti alla Floripa Music Hall, dove scendiamo noi Bobs ed i Resando per fare soundcheck in vista del concerto della sera.
Il soundcheck procede a ritmo spedito per tutta la mattinata, grazie ad un Carlos (al massimos del) Morales in ottima forma, che tranquillo e sereno come sempre, cura i suoni nei minimi dettagli. All’una e mezza, mentre pranziamo in un baracchino (dove il cibo si paga in base al peso) scorre sullo schermo del televisore presente nel locale, una pubblicità del nostro concerto, scatenando una tipicamente italiana, euforica e rumorosa reazione dei presenti.
Si torna al Floripa per assistere al check di Gio_veNale e dei Nibraforbe e poi, finito il loro turno, torniamo in albergo per prepararci al primo concerto del tour. I più stanchi si concedono del relax rigenerante in camera, mentre i più attivi (tra i quali siamo stranamente inclusi pure noi) propendono per un tuffo nell’oceano, poco lontano dall’hotel.

Ore 20.00, siamo tutti nel backstage e, capitanati da Carlos, ci riuniamo per un breve colloquio e augurio di buon concerto. Rientrati nella Music Hall riconosciamo tra il pubblico molti dei ragazzi incontrati all’università il giorno precedente, tra cui Renan che dona a noi ed alle altre band un piccolo souvenir di Florianopolis. Si respirano sorrisi.
I primi a salire sul palco e rompere il ghiaccio sono i James Gin che riscaldano la serata a ritmo di blues carioca. Ora tocca ai Nibraforbe, primo gruppo trentino ad esibirsi, che saltellando allegri sul palco danno il La (sintetizzato) al concerto. Mezz’ora di elettro-pop da Sardagna e si e’ già nell’atmosfera berlinese di Gio_venale: nonostante l’infortunio alla caviglia di Tommaso, lo spettacolo e’ andato liscio ed alla grande.
Torniamo nel backstage per prepararci, mentre sentiamo in sottofondo il muro di suono dei Resando che sembra piacere ai ragazzi della capitale di Santa Caterina. E’ il nostro turno, il tempo vola e nemmeno noi ci rendiamo conto di essere già arrivati all’outro di Asfalto. A concludere la serata ci pensano gli esplosivi Next Point, che suonano per la prima volta in live il loro nuovo pezzo “emicrania”.
Nel frattempo e’ già l’1 e mezza di notte, seppur stanchi decidiamo di ritornare tutti insieme sul palco e impressioniamo il pubblico rimasto con una divertente performance corale dell’inno al trentino, quasi all’altezza del coro della SAT, per poi spegnerci definitivamente sui sedili del pullman che ci riporta in albergo.

Ore 04.00, ci concediamo finalmente alla notte pur sapendo di poter dormire solamente qualche ora. Domani mattina partiremo alla volta di Porto Alegre dove finalmente ci raggiungerà anche il gruppo di Anansi e dove si terra’ anche la seconda data del tour.

Bob and the Apple
(foto di Silva Rotelli)

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

*

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>